notizie top forex

Sterlina sorvegliata speciale in vista del vertice su Brexit con Ue a metà ottobre

Inviato da Daniela La Cava il Mar, 02/10/2018 - 11:51

Sul mercato forex i movimenti della sterlina sono monitorati da vicino in vista del vertice sulla Brexit con l’Europa in agenda il prossimo 14 ottobre. E se ieri c'è stato il recupero, questa mattina la divisa britannica perde terreno nei confronti dell'euro e del dollaro. In concreto, il cambio sterlina/dollaro è scivolato sotto quota 1,30, scambiando in questo momento in area 1,2967 (-0,58%), mentre il cross euro/divisa inglese mostra un lieve rialzo dello 0,05% in area 0,8882. Ieri hanno tenuto banco le indiscrezioni stampa sul fronte Brexit, con il Governo inglese che starebbe valutando 'concrete concessioni' sul tema del confine irlandese in vista del meeting con Bruxelles.


L'incertezza sulla futura situazione della Gran Bretagna in termini di commercio e persino di geopolitica permane. "Sembra che i mercati siano, almeno per ora, riluttanti a considerare un risultato meno favorevole per i negoziati in corso sulla Brexit - afferma Ricardo Evangelista, analista senior di ActivTrades -. Tuttavia, con l'avvicinarsi delle scadenze e la tensione tra le diverse fazioni all'interno del campo britannico, potremmo presto assistere a un cambiamento nella dinamica che ha caratterizzato le ultime settimane per la sterlina". "La conferenza del partito conservatore britannico può potenzialmente aggiungere fiamme al fuoco", sottolinea l'esperto. Oggi è previsto l'intervento dell'ex ministro degli Esteri britannico, Boris Johnson, uno dei principali sfidanti del piano Checkers del Primo Ministro Theresa May. Un discorso atteso da molti, in quanto può indicare la volontà di sfidare la leadership di Mrs May.


Oggi si guarda anche alla sfera macroeconomica. L'indice Pmi costruzioni per il mese di settembre è sceso a 52,1 punti, in calo rispetto ai 52,9 punti di agosto e del consensus Bloomberg. Si tratta dei minimi a sei mesi. Da Ihs Markit segnalano che "le aziende di costruzioni hanno rimarcato che l'incertezza politica e le preoccupazioni degli investitori in merito alla Brexit hanno smorzato la fiducia nel mese di settembre".

tags